Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Ascoltare. Compatire. Sorridere. Tacere.

Procediamo, dunque, col primo post dell'anno. Positivo, felice, spensierato, motivazionale.

NO.

Mi sono letteralmente stufata di essere una persona che ci tiene a far le cose per bene. Sono molto stanca di reprimere tutte le mie emozioni in nome dell'educazione, del carattere, dell'aderenza ai valori che hanno ormai preso possesso del mio intero essere.

Ascoltare, compatire, sorridere, tacere.
Questo lo so fare.
E' una routine comportamentale.
Si ripete in loop.
Mi riesce così bene.
Questa sono io.

Ascoltare. Compatire. Sorridere. Tacere.
Eppure, sento che qualcosa si è incrinato. Mi sento letteralmente rotta, deteriorata, consumata, dalla gente, tanto da pensare che una volta ogni tanto piacerebbe anche a me permettermi di mandare a quel paese chi dice stupidaggini.

Anche se, quello che vorrei davvero è saper dare una lezione ai capricciosi, ai narcisisti, a coloro che nutrono esagerata fiducia in sé ed altrettanto disinteresse verso gli altri, agli ego maniaci, agli…

Ultimi post

Perché non sono più capace di scrivere dei miei fatti sul mio blog

Quello che non va

Disdicevoli pensieri

Sorridendoti

Studio sul campo: la codardia nel porre fine ad una relazione moderna.

Abitudine (3 cose su)

L'elogio silente

Previously

Sul perfetto incivile

Giustificazioni democristiane